Incidenza e significato prognostico dei versamenti pleurici nell’Ipertensione Arteriosa Polmonare (PAH)

  17/09/2021 Versamenti pleurici iperteriosa arteriosa polmonare

I versamenti pleurici sono una complicanza comune di un'ampia varietà di processi patologici. In termini semplici, lo sviluppo di un versamento pleurico è correlato ad un aumentato ingresso di liquido pleurico o alla ridotta clearance del liquido pleurico. Dati questi principi fisiologici, è stato storicamente ritenuto che i versamenti pleurici nell'insufficienza cardiaca congestizia siano il risultato di una grave insufficienza cardiaca sinistra. Tuttavia, un corpo sempre più solido di evidenze supporta la possibilità che i versamenti pleurici possano verificarsi con aumenti isolati della pressione del cuore destro in assenza di una significativa insufficienza cardiaca sinistra.

L'insufficienza cardiaca destra cronica in assenza di cardiopatia sinistra può verificarsi a seguito di infarto del ventricolo destro o ipertensione polmonare progressiva. Nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare (PAH), il verificarsi di versamenti pleurici è correlato a una pressione atriale destra media più elevata rispetto a quanto non lo sia nei pazienti privi di versamento pleurico.

Sebbene alcuni versamenti possano essere correlati a complicanze della malattia del tessuto connettivo (CTD), la letteratura scientifica suggerisce che questi processi infiammatori non possano spiegare tutti i versamenti riscontrati nei pazienti con PAH. Sebbene sia stato documentato che i versamenti pleurici aggravano la PAH, l'incidenza precisa di questo fenomeno non è stata precedentemente descritta. È stato dimostrato che lo sviluppo di un versamento pericardico o di un versamento pleurico nella PAH è associato, complessivamente, a una prognosi peggiore.

In uno studio del 2021, Chandel e colleghi hanno cercato di definire il tasso di incidenza del versamento pleurico nella PAH, di esaminare il significato prognostico dei versamenti pleurici ed esaminare ulteriormente i fattori di rischio per lo sviluppo di un versamento pleurico in questa condizione.

La sopravvivenza è stata esaminata sulla base del successivo sviluppo di un versamento pleurico. Un totale di 191 pazienti con ipertensione arteriosa polmonare ha soddisfatto i criteri di inclusione. La prevalenza dei versamenti pleurici alla valutazione iniziale è stata del 7,3%. Tra i pazienti senza versamento pleurico iniziale e con almeno una tomografia computerizzata di follow-up (N=142), il versamento pleurico si è sviluppato nel 27,5% (N=39) dei casi. Nessuna eziologia alternativa del versamento è stata identificata in 19 (48,7%) casi e i versamenti ritenuti correlati all'ipertensione arteriosa polmonare si sono verificati con un tasso di incidenza di 38,6 casi per 1000 anni-persona. Di questi, 14 (73,7%) erano versamenti bilaterali, 3 (15,8%) erano versamenti del lato destro e 2 (10,5%) erano versamenti del lato sinistro. L’effusione era rappresentata da una traccia o era di piccole dimensioni in 18 pazienti (94,7%). Lo sviluppo di un nuovo versamento pleurico è stato associato a una sopravvivenza ridotta nell'analisi di sopravvivenza non aggiustata, nell’analisi multivariata e dopo che il modello multivariato è stato aggiustato per il versamento pericardico concomitante. L'impatto negativo sulla sopravvivenza è rimasto invariato quando i versamenti correlati con maggior probabilità a una causa alternativa sono stati rimossi dall'analisi.

In conclusione, i versamenti pleurici possono complicare l'ipertensione arteriosa polmonare in assenza di cardiopatia sinistra. Questi versamenti sono spesso di piccole dimensioni, di localizzazione bilaterale e la loro presenza è associata a una ridotta sopravvivenza. Probabilmente, lo sviluppo di un versamento pleurico è correlato alla progressione della PAH e alla conseguente elevata pressione cardiaca destra. La ridotta sopravvivenza appare indipendente dal rischio associato a un nuovo versamento pericardico. Sono necessari futuri studi prospettici per determinare se variazioni nella terapia al momento dell'insorgenza del versamento possano tradursi in una migliore sopravvivenza dei pazienti con PAH.


10 settembre

La risposta al danno del DNA (DDR) e l'ipertensione arteriosa polmonare associata all'HIV (HIV-PAH)

La popolazione HIV-positiva ha un rischio drammaticamente elevato di sviluppare ipertensione arteriosa polmonare (PAH), una malattia cardiopolmonare devastante e fatale, rara nella popolazione generale. Sin dai primi studi prospettici all’inizio degli anni '90, l'HIV è diventato un fattore di rischio consolidato e indipendente per lo sviluppo della PAH, con una prevalenza stimata di ~1:200, rispetto a ~1:1.000.000 nella popolazione generale.

3 settembre

Lo screening per l’ipertensione arteriosa polmonare (PAH) nella sclerosi sistemica

Per definizione, lo screening consiste nell’uso sistematico di un test su soggetti a rischio per individuare una patologia prima dell’insorgenza dei sintomi o di una sua manifestazione evidente. Nell’ipertensione arteriosa polmonare (PAH) la maggior parte dei pazienti presenta uno stato avanzato dei sintomi ed un grave squilibrio emodinamico già al momento della diagnosi.