Mortalità PAH nei pazianti sopra i 40 anni

Ipertensione arteriosa polmonare (PAH) associata a cardiopatia congenita negli adulti di età superiore ai 40 anni

  09/07/2021 Mortalità PAH pazianti sopra 40 anni

I pazienti con cardiopatia congenita, nel corso delle ultime decadi, hanno potuto beneficiare di un netto miglioramento prognostico.
Per quanto attiene l'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) correlata alle cardiopatie congenite, mentre i fattori di rischio per una prognosi negativa sono ben descritti nelle coorti più giovani, i dati riguardanti i pazienti più anziani restano ancora scarsi.

In uno studio retrospettivo del 2020, Maurer e colleghi hanno esaminato il decorso clinico dei pazienti adulti (età ≥ 40 anni) con PAH associata a cardiopatia congenita (PAH-ACHD), identificando i possibili fattori di rischio per una prognosi più severa.

Pertanto, nell'arco temporale gennaio 2005-dicembre 2018, attraverso le cartelle cliniche, sono stati raccolti i dati demografici e le informazioni anamnestiche dei pazienti PAH-ACHD. L'end-point primario di questo studio era rappresentato dalla mortalità per tutte le cause.

In totale, sono stati inclusi 65 pazienti (67,7% di sesso femminile, età media 45,19 ± 6,75 anni). Di questi, 46 (70,8%) avevano una lesione con shunt, 12 (18,5%) erano affetti da PAH associata a difetti cardiaci congeniti complessi e 7 (10,8%) erano affetti da ipertensione polmonare segmentaria. La sindrome di Down era presente in 13 pazienti (20,0%). Durante un follow-up mediano di 4,2 anni, 16 pazienti (24,6%) sono deceduti. All'analisi univariata, NT-proBNP (log), creatinina e una precedente storia di aritmie ventricolari rappresentavano fattori predittivi di mortalità per tutte le cause. All'analisi multivariata, NT-proBNP (log) (HR: 4,1, 95% CI: 1,2-14,4, p = 0,029) e creatinina (HR: 16,3, 95% CI: 2,2-118,7, p = 0,006) sono rimasti fattori predittivi di mortalità per tutte le cause.

In conclusione, i pazienti con PAH-ACHD di età superiore ai 40 anni sono gravati da una significativa morbilità e mortalità. Durante un follow-up mediano di quattro anni, circa un terzo dei pazienti ha richiesto ricoveri ospedalieri non programmati/di emergenza e un quarto dei pazienti è deceduto. I fattori predittivi della mortalità erano rappresentati dall'aumento quantitativo dei valori di NT-proBNP e creatinina (valori di cut-off per l'NT-proBNP di 1250 ng/L; per la creatinina di 0,73 mg/dL). Queste osservazioni mettono in evidenza l’importanza di un attento monitoraggio multiparametrico, comprensivo dei principali dati ematochimici, per identificare e controllare i pazienti a rischio.


2 luglio

Diagnosi dell’ipertensione polmonare: tomografia computerizzata ad alta risoluzione e angio-tomografia computerizzata

La tomografia computerizzata (TC) è una metodica strumentale radiologica (diagnostica per immagini) che consente di esaminare, in dettaglio, le diverse parti del corpo.

25 giugno

Diagnosi dell’ipertensione polmonare: test di funzionalità polmonare ed emogasanalisi arteriosa

Le attuali linee guida europee sottolineano come il percorso di diagnosi differenziale all'interno dei diversi gruppi clinici che compongono l'ipertensione polmonare preveda l'esecuzione di diverse indagini strumentali ivi compresi i test di funzionalità polmonare ed il relativo quadro emogasanalitico.