Le cellule positive al recettore del fattore di crescita neuronale si associano al grado di severità e alla prognosi dell’Ipertensione Arteriosa Polmonare (PAH)

  31/12/2021 Rimodellamento vascolare PAH

È stato ipotizzato che il processo di rimodellamento vascolare nell'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) sia guidato in parte dalle cellule proangiogeniche derivate dal midollo osseo, con il contributo delle cellule progenitrici endoteliali (EPC) e delle cellule staminali mesenchimali (MSC).

I citati meccanismi fisiopatologici alla base del rimodellamento vascolare sono stati il core di uno studio osservazionale pubblicato sulla rivista Pulmonary Circulation con il precipuo scopo di individuare potenziali biomarker indicativi della gravità clinica e prognostica in pazienti con PAH. Il suddetto studio ha visto la partecipazione di 30 pazienti con PAH e 15 soggetti sani come campione di controllo.

Gli antigeni di superficie delle cellule mononucleate da sangue periferico (PBMNC), con particolare attenzione ai marker delle EPC e delle MSC, sono stati posti a confronto tra i pazienti PAH ed i soggetti del gruppo controllo.
Lo studio ha documentato una maggiore frequenza di marker di EPC ed MSC nei PBMNC di pazienti PAH rispetto ai controlli e, nell'ambito di questi marker, la frequenza di cellule nerve growth factor receptor (NGFR) positive era significativamente più elevata nei pazienti con PAH che nel gruppo controllo.
Interessante notare come la sopravvivenza libera da eventi maggiori (exitus o trapianto polmonare) era significativamente aumentata nei pazienti con PAH che presentavano una frequenza più bassa di cellule NGFR positive rispetto ai pazienti in cui si sono riscontrate frequenze più elevate.

Sulla base dei suddetti risultati, gli autori suggeriscono come la presenza di cellule NGFR positive circolanti può rappresentare un nuovo biomarcatore utile per determinare la gravità e la prognosi della PAH.


24 dicembre

Il Diabete mellito associato all’aumento del post-carico sul ventricolo destro e al rimodellamento nell’Ipertensione Arteriosa Polmonare (PAH)

In uno studio, pubblicato sulla rivista American Journal of Medicine, sono stati presi in esame 162 pazienti con PAH, di cui 27 erano affetti anche da DM tipo 2.

17 dicembre

Valutazione non invasiva della disfunzione endoteliale nell’Ipertensione Arteriosa Polmonare (PAH)

L'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) costituisce una grave complicanza nell'ambito delle patologie del connettivo, in particolare nel caso di sclerosi sistemica.