News

Approfondimento Convivere con la PAH  

PAH associata a cardiopatie congenite, due semplici test per valutare la prognosi

  15/09/2020

Due test non invasivi come il test del cammino dei 6 minuti (6MWT) e la titolazione ematica del frammento amminoterminale del pro-peptide natriuretico di tipo B (NT-ProBNP) consentono di avere una previsione prognostica nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare (PAH) associata a cardiopatie congenite (CHD).

È quanto evidenzia uno studio di un gruppo di ricerca cinese pubblicato su The Clinical Respiratory Journal. Gli autori sulla base della valutazione multiparametrica per la stratificazione del rischio del paziente affetto da PAH, secondo linee guida europee correnti, hanno arruolato 288 iniziali pazienti con PAH-CHD, con una analisi finale che ha riguardato una coorte di 105 pazienti. Il periodo di osservazione di 12 mesi ha evidenziato come la caratterizzazione quantitativa di basso rischio dei suddetti parametri: distanza percorsa al 6MWT superiore a 440 m ed un livello di NT-ProBNP < 300 pg/ml si associa ad una evoluzione prognostica favorevole.

Fermo restando l'importanza di una valutazione accurata e rigorosa, comprensiva dei dati emodinamici, gli estensori dell'articolo evidenziano come l'utilizzo di parametri non invasivi può essere un utile strumento per avere un inquadramento prognostico del paziente PAH-CHD.


13 ottobre

Una proteina nel sangue possibile “spia” di PAH nella sclerodermia

L’interleuchina-32 (IL-32), una proteina implicata nei processi infiammatori, potrebbe rappresentare una “spia” della presenza di ipertensione arteriosa polmonare (PAH)

6 ottobre

Risultati migliori per i pazienti con PAH trattati nei centri di riferimento

Le persone con ipertensione arteriosa polmonare (PAH) che vengono trattate presso centri di cura specialistici hanno migliori possibilità di sopravvivenza