Gli outcome dell'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) migliorano nei centri di cure specialistiche

  13/08/2021 Centri specialistici ipertensione arteriosa polmonare

Le evidenze attuali sottolineano l'importanza ed il ruolo del centro esperto nel percorso di definizione diagnostica e successiva gestione terapeutica del paziente affetto da ipertensione arteriosa polmonare (PAH).

Un recente studio retrospettivo dell'Università di Pittsburg Medical Center, con una coorte complessiva di 580 pazienti, ha fornito interessanti dati per quanto concerne le differenze tra centro di riferimento e strutture non specialistiche. Da un punto di vista dei dati demografici e clinici, i pazienti afferenti al centro di riferimento erano prevalentemente più giovani, di sesso femminile e con una maggiore percentuale di comorbilità associate.

I risultati di questo studio retrospettivo documentano un più ampio uso, da parte del centro esperto, dei farmaci delle 3 differenti classi disponibili con una prognosi migliore per i pazienti presi in carico. Il dato della sopravvivenza è stato confermato anche dopo analisi statistica, corretta per età, comorbilità e severità della PAH. Inoltre, focalizzando l'attenzione sulla mortalità entro i primi 6 mesi dalla diagnosi, la sopravvivenza complessiva dei pazienti riferiti precocemente al centro esperto risultava ancora superiore rispetto agli altri pazienti (89.6% versus 76.1%).

Come sottolineato dagli autori, i dati della ricerca retrospettiva testimoniano che la cura della PAH in un centro esperto è associata ad una migliore prognosi, la cui genesi è verosimilmente multifattoriale: ampio uso dei diversi farmaci disponibili per la PAH, maggiore aderenza alle strategie gestionali indicate dalle linee guida. Studi futuri dovrebbero esplorare ulteriormente l'esatto contributo dei processi di gestione del centro esperto nell'influenzare l'esito.


6 agosto

Valutazione del rischio in pazienti con ipertensione arteriosa polmonare (PAH) nell'era della pandemia da COVID-19 e della rivoluzione della telemedicina

Come riportato nelle linee guida, i pazienti affetti da ipertensione arteriosa polmonare (PAH) necessitano di un rigoroso e continuo monitoraggio clinico multiparametrico, al fine di garantire tempestivamente la strategia terapeutica ottimale e assicurare una migliore qualità di vita e prognosi.

30 luglio

CardioMEMS HF Ipertensione arteriosa polmonare

L'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una malattia cronica che, nel tempo, progredisce fino allo scompenso cardiaco destro e, infine, può condurre alla morte.