Valutazione rischio ipertensione arteriosa polmonare   

Il ruolo crescente dell'ecocardiografia nella stratificazione del rischio dell'ipertensione arteriosa polmonare (PAH)

  30/04/2021 Valutazione rischio ipertensione arteriosa polmonare

L'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una malattia rara e progressiva con una prognosi sfavorevole. Il modello fisiopatologico è principalmente caratterizzato da un mismatch del postcarico, in cui un aumento del postcarico del ventricolo destro, guidato da una maggiore resistenza vascolare polmonare, porta a insufficienza cardiaca destra.

Le linee guida internazionali raccomandano l'ottimizzazione del trattamento sulla base di valutazioni standard del rischio in modo tale da raggiungere o mantenere uno stato di basso rischio. I punteggi attuali di classificazione del rischio si basano su un approccio multimodale, che include parametri demografici, clinici, funzionali, sotto sforzo, laboratoristici ed emodinamici, ma che mancano di parametri ecocardiografici significativi.

L'originalità dell'ecocardiografia si basa sull'opportunità di valutare in modo non invasivo una combinazione fisiologicamente significativa di variabili facili da misurare, strettamente correlate all'adattamento/disadattamento del ventricolo destro all'aumento del postcarico, il principale determinante della prognosi di un paziente.

I parametri morfologici e funzionali derivati dall'ecocardiografia sono stati studiati nella PAH, dimostrando di avere rilevanza prognostica. L'ecocardiografia è uno strumento facile da usare, ed è ampiamente utilizzato per valutare la struttura e la funzione del ventricolo nella pratica clinica. È un esame rapido, a basso costo con un rapporto costi/benefici estremamente favorevole. Come già accennato, è utile nella valutazione non invasiva del carico emodinamico del ventricolo destro nella PAH, consentendo un'analisi più dettagliata e precisa delle condizioni del paziente rispetto al comune esame clinico. Infatti, l'aggiunta di dati ecocardiografici agli attuali punteggi di rischio può consentire una migliore identificazione dell'adattamento del ventricolo destro nel follow-up dei pazienti con PAH.

In definitiva, queste informazioni aggiuntive consentirebbero una maggiore stratificazione del paziente, portando a una gestione terapeutica ottimizzata e personalizzata.


9 aprile

La proteomica nello studio dell’ipertensione arteriosa polmonare (PAH)

La proteomica nello studio dell’ipertensione arteriosa polmonare (PAH) L’ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una malattia caratterizzata da un'alterata funzionalità delle cellule di rivestimento della parete vasale (cellule endoteliali) delle arterie polmonari.

9 aprile

Ipertensione arteriosa polmonare (PAH) nella fisiopatologia dell’intestino e nella composizione del microbiota intestinale

’ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una patologia progressiva caratterizzata da un'alterazione anatomo-funzionale a livello del letto vascolare polmonare con conseguente incremento pressorio che può condurre ad una insufficienza ventricolare destra ed exitus.