Il ruolo dei linfociti T regolatori nell'ipertensione arteriosa polmonare (PAH)

  23/07/2021 linfociti T ipertensione arteriosa polmonare

L'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una malattia potenzialmente letale con prognosi negativa.
I meccanismi fisiopatologici alla base della PAH sono complessi e coinvolgono anomalie immunologiche e processi infiammatori.
Diverse evidenze riguardano i linfociti T ed un loro possibile ruolo nel rimodellamento vascolare polmonare e nello sviluppo della PAH, con funzioni diverse a seconda della popolazione linfocitaria presa in considerazione.

Una revisione del 2019 pubblicata sul Journal of the American Heart Association ha riassunto le principali funzioni ricoperte dai linfociti T regolatori (Treg) – un sottotipo di linfociti T – nella PAH ad oggi conosciute.

Recentemente, è stato scoperto che i Treg ricoprono un ruolo essenziale nella regolazione del decorso della PAH. Modelli animali sperimentali hanno mostrato che ratti privi di timo con numero e attività di Treg ridotti sono più suscettibili allo sviluppo di forme severe di PAH rispetto a ratti di controllo, che invece presentano numero e funzione dei Treg normali.

Nel complesso, una vasta quantità di prove sperimentali e precliniche documenta come i Treg interagiscano in diverse fasi del processo fisiopatologico di rimodellamento vascolare proprio della PAH. I Treg, infatti, possono intervenire nei processi riparativi delle cellule endoteliali, modulare la cinetica cellulare limitando la proliferazione delle cellule muscolari lisce e dei fibroblasti, e regolare la risposta immunitaria.

Su queste basi, in futuro, i Treg potrebbero rappresentare un promettente bersaglio terapeutico per la PAH e, allo stesso tempo, potrebbero migliorare la comprensione dei meccanismi immunomodulatori coinvolti nella patologia.


16 luglio

Disfunzioni muscolari scheletriche e respiratorie nell'ipertensione arteriosa polmonare

L'ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una malattia rara, caratterizzata da un progressivo rimodellamento patologico dei vasi polmonari che può condurre ad un'insufficienza ventricolare destra ed exitus.

9 luglio

Ipertensione arteriosa polmonare (PAH) associata a cardiopatia congenita negli adulti di età superiore ai 40 anni

I pazienti con cardiopatia congenita, nel corso delle ultime decadi, hanno potuto beneficiare di un netto miglioramento prognostico.